PADIS

Pubblicazioni Aperte DIgitali Sapienza > Medicina interna e specialità mediche > TECNOLOGIE BIOMEDICHE IN MEDICINA CLINICA >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10805/1121

Title: Studio genetico del Diabete MODY (Maturity Onset Diabetes of the Young): approcci diagnostici in fenotipi diversi
Authors: INCANI, MICHELA
Tutor: BARONI, MARCO GIORGIO
Keywords: GENETICA
DIABETE
Issue Date: 14-Feb-2010
Abstract: Il MODY è la forma più comune di diabete monogenico. Mutazioni nel gene GCK (MODY2) e nel gene HNF1α (MODY3) sono responsabili da sole del 70% di tutti i casi MODY. OBIETTIVO: validare in modo prospettico l’utilizzo di linee guida recentemente proposte, usando i criteri di inclusione per la selezione dei soggetti da sottoporre allo screening. METODI: Criteri di inclusione: Per GCK, iperglicemia persistente a digiuno >100 mg/dl, lieve aumento dell’HbA1c e della glicemia dopo OGTT < 54 mg/dl. Per HNF1α, esordio precoce in almeno un membro della famiglia, presenza di secrezione insulinica dopo 3 anni dalla diagnosi, assenza di chetoacidosi e valori testabili di c-peptide. Casistica: Sono state studiate due coorti: la prima composta da 53 bambini è stata selezionata in base alla presenza di alterazioni nel metabolismo dei carboidrati e assenza di autoanticorpi circolanti, la seconda è costituita da 14 soggetti adulti diabetici, con familiarità e precoce età di insorgenza. Per l’indagine genetica sono stati sequenziati 10 esoni e il promoter per GCK e 10 esoni per HNF1α. RISULTATI: Nella coorte costituita da bambini sono state identificate 2 mutazioni nel gene GCK: L271fsdel22 e V222D. In tre soggetti con familiarità per diabete è stato inoltre analizzato il gene HNF1α e sono state identificate le varianti G31D e T354M. Nella coorte costituita da adulti 35,7% sono risultati positivi allo screening per MODY. H50R, M235I e c.1079-1080insCCTC sono mutazioni nel gene GCK; R278Q e R131Q nel gene HNF1α. Tutte le mutazioni identificate sono state confermate nei familiari. CONCLUSIONI: l’utilizzo di linee guida per la diagnosi di MODY si è dimostrato uno strumento di notevole supporto nella pratica clinica. Nei soggetti adulti è stata riportata un’alta prevalenza di soggetti MODY (35,7%). Nella coorte costituita da bambini e adolescenti selezionati per la presenza di iperglicemia la prevalenza di MODY2 è stata del 4,1% non molto differente da quella riportata in popolazioni non selezionate. E’ interessante notare che quando si selezione anche per familiarità e BMI, come proposto nei criteri generali di inclusione per lo studio del MODY, la prevalenza di MODY2 aumenta fino al 40%, segno che questi due parametri non sono da sottovalutare in un approccio di questo tipo.
URI: http://hdl.handle.net/10805/1121
Research interests: techniques of molecular biology and immunology related to metabolic diseases
Personal skills keywords: diabetes
metabolism
obesity
genetics
Appears in PhD:TECNOLOGIE BIOMEDICHE IN MEDICINA CLINICA

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Michela Incani TESI.docTESI DOTTORATO3.12 MBMicrosoft Word

File del Curriculum Vitae:

CurriculumVitae. 06-2011.doc 511 kBMicrosoft Word


This item is protected by original copyright

Recommend this item

Items in PADIS are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

 

Valid XHTML 1.0! DSpace Software Copyright © 2002-2010  Duraspace - Feedback Sviluppo e manutenzione a cura del CINECA