PADIS

Pubblicazioni Aperte DIgitali Sapienza > DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE MODERNE [disattivato] > FRANCESISTICA >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10805/1432

Title: La rappresentazione dell'io nella corrispondenza privata di Baudelaire
Authors: PETROV, VERONICA
Tutor: Violato, Gabriella
Mariotti, Flavia
Keywords: Baudelaire, corrispondenza d’autore, io epistolare, ethos, soggettività
Issue Date: 23-Mar-2012
Abstract: Partendo dall’ipotesi che la Correspondance di Baudelaire si situi alla frontiera tra la realtà autobiografica e la finzione letteraria, il mio lavoro si propone di analizzare le immagini che Baudelaire dà di sé nella sua corrispondenza privata con i nuovi strumenti dell’epistolario, che permettono di esaminare le lettere al di là della loro letterarietà e di individuare i modi di pensare, le convinzioni e le motivazioni profonde del soggetto epistolare. La prospettiva metodologica mi è stata suggerita dai lavori di analisi del discorso che sono stati già da tempo applicati allo studio delle lettere, e più precisamente dai lavori sull’ethos, sull’immagine di sé e dell’altro, condotti da Ruth Amossy nonché da altri specialisti dell’epistolario che si situano nell’orbita dell’analisi del discorso: Jürgen Siess, Georges-Elia Sarfati, Anna Jaubert, ecc. Dopo un primo capitolo a carattere teorico nel quale affronto tre problematiche diverse ma strettamente collegate tra di loro (la questione della verità nelle scritture intime, l’identità del soggetto epistolare e l’ethos epistolare) passo nel secondo capitolo all’analisi delle principali immagini che Baudelaire offre di sé nelle lettere private, ossia all’immagine del fainéant, dell’escluso e dell’eterno bambino. La figura dell’io epistolare si costruisce a partire da ciò che egli dice di se stesso, ma soprattutto attraverso le modalità della sua parola. È più sul piano dell’enunciazione che sul piano dell’enunciato che si realizza il suo ethos, il quale può essere analizzato secondo un duplice approccio metodologico: il primo tipo di metodo consiste nello studio delle tracce di soggettività nelle lettere, mentre il secondo, di impronta pragmatica, serve a indagare le interazioni tra il mittente e i suoi vari destinatari. Questi due aspetti risultano così strettamente correlati fra di loro da non poter essere oggetto di una trattazione separata. Infine, nell’ultima parte della tesi, a carattere conclusivo, accosto l’io della Correspondance all’io lirico delle Fleurs du mal, cercando di capire che fine fanno le immagini che Baudelaire dà di sé nelle lettere private nel momento in cui passa alla scrittura lirica destinata alla pubblicazione.
URI: http://hdl.handle.net/10805/1432
Appears in PhD:FRANCESISTICA

Files in This Item:

File Description SizeFormat
La rappresentazione dell'io nella corrispondenza privata di Baudelaire.pdfAnalisi della corrispondenza privata di Baudelaire677.16 kBAdobe PDF


This item is protected by original copyright

Recommend this item

Items in PADIS are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

 

Valid XHTML 1.0! DSpace Software Copyright © 2002-2010  Duraspace - Feedback Sviluppo e manutenzione a cura del CINECA