PADIS

Pubblicazioni Aperte DIgitali Sapienza > Psicologia dei processi di sviluppo e socializzazione > PSICOLOGIA DELL'INTERAZIONE, DELLA COMUNICAZIONE E DELLA SOCIALIZZAZIONE >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10805/1527

Title: Responsività nella comunicazione tra genitore e bambino con Disturbo Specifico di Linguaggio
Authors: TOMA, CHIARA
Tutor: ORSOLINI, MARGHERITA
Keywords: responsiveness
repair
DSL
Issue Date: 11-Jun-2012
Abstract: Questo studio si propone di articolare il costrutto di responsività materna su un piano discorsivo-conversazionale e su un piano affettivo, analizzando l’interazione tra madri e bambini con un Disturbo Specifico di Linguaggio. In primo luogo, l’intento è stato quello di analizzare la capacità di impegnarsi in pratiche di repair nei momenti in cui la comunicazione con il bambino risulta problematica. Si è quindi cercato di mettere luce e di delineare in modo microanalitico strategie e repertori conversazionali diversi attraverso cui madri e bambini affrontano le situazioni in cui nel discorso si presenta una “trouble source” (Schegloff et al., 1977). In secondo luogo si è analizzata la responsività materna con concetti che interpretano una dimensione emotivo-affettiva dell’interazione madre-bambino, con l’obiettivo di verificare se quest’ultima mostri un andamento indipendente o interdipendente con i repertori conversazionali di repair materno. I partecipanti sono 12 bambini di età compresa tra i 4 anni e i 5 anni e 11 mesi, che hanno avuto una diagnosi di Disturbo di Linguaggio di tipo espressivo o fonologico non secondario ad altre condizioni patologiche; le osservazioni sono state raccolte presso un Centro di Ricerca e Cura di Roma, un Servizio di Riabilitazione Neurocognitiva di Pisa e due studi logopedici privati. L’osservazione e la videoregistrazione dell’interazione madre-bambino sono state effettuate in due situazioni: un contesto di visione condivisa di foto che rappresentano momenti di vita del bambino e della sua famiglia, e un contesto di gioco libero con materiali forniti dalla ricercatrice. Entrambe le situazioni hanno avuto una durata di 15 minuti ciascuna. Le interazioni sono state trascritte utilizzando le norme di trascrizione e codifica CHAT (Codes for the Human Analysis of Transcript) previste dal Sistema Internazionale CHILDES (Child Language Data Exchange System) (McWinney, 1997). Per quanto riguarda l’aspetto discorsivo, è stata utilizzata la metodologia dell’analisi conversazionale: sono state analizzate le sequenze in cui la madre inizia e conclude una riparazione o avvia un processo di correzione co-costruita, a seguito di un’azione comunicativa verbale e non verbale del bambino considerata problematica. Le sequenze di repair sono state descritte e analizzate considerando diversi piani. Per quanto riguarda la dimensione affettiva della responsività, le videoregistrazioni sono state analizzate e codificate attraverso l’Emotional Availability Scale (EAS) – IV Edition (Biringen, 2008). Questa scala considera la responsività materna nelle sue dimensioni di sensibilità, non intrusività, non ostilità e capacità di strutturare la situazione tenendo conto degli interessi e delle proposte del bambino, e allo stesso tempo tiene conto della responsività e del grado di coinvolgimento del bambino nell’interazione. Sono state infine condotte alcune analisi quantitative per mettere in relazione le pratiche di repair con le dimensioni della sensibilità e dello structuring analizzate attraverso l’Emotional Availability Scale.
URI: http://hdl.handle.net/10805/1527
Appears in PhD:PSICOLOGIA DELL'INTERAZIONE, DELLA COMUNICAZIONE E DELLA SOCIALIZZAZIONE

Files in This Item:

File Description SizeFormat
TESI.pdfTesi di dottorato1.37 MBAdobe PDF


This item is protected by original copyright

Recommend this item

Items in PADIS are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

 

Valid XHTML 1.0! DSpace Software Copyright © 2002-2010  Duraspace - Feedback Sviluppo e manutenzione a cura del CINECA