PADIS

Pubblicazioni Aperte DIgitali Sapienza > Psicologia dinamica e clinica > PSICOLOGIA DINAMICA, CLINICA E DELLO SVILUPPO >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10805/1558

Title: "COMUNICAZIONE E PREFERENZA DEL VOLTO NELLE PRIME ORE DI VITA, STUDIO SULLE PRINCIPALI MODALITA' DI CODIFICA"
Authors: PICCOLO, FEDERICA
Tutor: Cecchini, Marco
Keywords: Neonati
Comunicazione
riconoscimento del volto
Teoria della mente
Issue Date: 16-Jun-2012
Abstract: In letteratura i risultati degli studi sul riconoscimento del volto, vengono continuamente confrontati, nonostante l’utilizzo di diverse Modalità di Codifica della direzione dello sguardo che non vengono chiaramente definite. In questo studio vengono chiarite, analizzate e confrontate le quattro principali Modalità di Codifica utilizzate in letteratura: 1) VIVO-VOLTO, 2) FRAME by FRAME-VOLTO, 3) VIDEO-VOLTO, 4) VIDEO-LATO. I parametri utilizzati per questo confronto sono: il volto preferito e il tempo necessario per concludere la Prova di Preferenza del Volto. Dal confronto tra le diverse Modalità di Codifica, effettuato sul 56% del campione, emerge che solo 2) FRAME by FRAME-VOLTO diverge rispetto alle altre tre che, invece, vanno nella stessa direzione. I risultati della verifica di questa ipotesi: effetto del Tipo di Codifica, sono stati utilizzati come studio preliminare per la scelta della Modalità di Codifica da utilizzare per la verifica seconda ipotesi: effetto del Tipo di Comunicazione, verificata sull’intero campione (N.23). E’ stata scelta la Modalità di Codifica VIDEO-LATO perché risulta vantaggiosa sia in termini di precisione che di tempi di applicabilità. L’ipotesi che il Tipo di Comunicazione produca diversi effetti nel successivo comportamento di preferenza del volto non viene verificata, in quanto indipendentemente dal Tipo di Comunicazione sperimentata, i neonati non mostrano nessuna preferenza per un volto. A posteriori, sono state approfondite, le caratteristiche dei neonati del campione. E’ emerso che il campione di N.23 è composto da due sottocampioni considerando lo stato di ATTIVAZIONE: i PIU’ ATTIVATI (N.13) rispetto ai MENO ATTIVATI (N.10) terminano prima la Prova di Preferenza del Volto e trascorrono più tempo in occhi aperti. Lo stato di ATTIVAZIONE produce delle differenze nel comportamento di preferenza del volto, infatti dopo aver sperimentato una comunicazione piacevole (Contingente) i PIU’ ATTIVATI sembrano essere riusciti a generalizzare l’esperienza che il volto umano comunica in modo piacevole, ciò produce un interesse per entrambi i volti presentati, nell’attesa che producano segnali comunicativi piacevoli; mentre i MENO ATTIVATI rimarrebbero legati allo specifico volto con il quale hanno effettuato una comunicazione piacevole non riuscendo ad effettuare una generalizzazione dell’esperienza comunicativa con il volto umano, ciò produce un interesse per il volto che precedentemente ha comunicato in modo piacevole.
URI: http://hdl.handle.net/10805/1558
Research interests: 1) Le competenze comunicative nelle prime ore si vita, 2) il processo di riconoscimento del volto nelle prime ore di vita, 3) Teoria della mente
Skills short description: Attività ricreativo- culturale con bambini, adolescenti normodotati e disabili Attività didattica universitaria Attività di ricerca nell’ambito neonatale Attività di psicologa: diagnosi, consulenza e riabilitazione psicologica per l’età evolutiva ed adulta
Personal skills keywords: Neonati
Comunicazione
Riconoscimento del Volto
Teoria della Mente
Appears in PhD:PSICOLOGIA DINAMICA, CLINICA E DELLO SVILUPPO

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Tesi Dot.F.Piccolo.pdfTesi Dottorato di Ricerca in Psicologia Dinamica e Clinica650.39 kBAdobe PDF

File del Curriculum Vitae:

CurriculumVitae.doc 571.5 kBMicrosoft Word


This item is protected by original copyright

Recommend this item

Items in PADIS are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

 

Valid XHTML 1.0! DSpace Software Copyright © 2002-2010  Duraspace - Feedback Sviluppo e manutenzione a cura del CINECA