PADIS

Pubblicazioni Aperte DIgitali Sapienza > Studi greco-latini, italiani, scenico-musicali > LINGUISTICA STORICA E STORIA LINGUISTICA ITALIANA >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10805/1932

Title: PARAMETRI NEUROLINGUISTICI PER L'unspoken SPEECH
Authors: MATTANA, PAMELA
Tutor: Paoloni, Andrea
Giunchi, Paola
Di Giovine, Paolo
Keywords: neurolinguistic
SLA
phonetic
BCI
Issue Date: 26-Nov-2012
Abstract: Questo lavoro si propone di decodificare il segnale con¬nesso con la voce prima che esso diventi segnale vocale. In sostanza la ricerca tenta la decodifi¬ca, tramite opportune regi¬strazioni EEG, del segnale connesso al pensiero di articolazione di alcuni foni vocalici del¬l’italiano ([a],[i],[u]); ai soggetti è stato richiesto di pensarli senza poi produrli acusticamente. La metodologia scelta, di tipo non-invasivo, per la cattura del se¬gnale cerebrale, da una parte svincola da alcune pro¬blematiche connesse alle pratiche in¬vasive (introduzione di elettrodi all'interno della cortec¬cia cerebrale) dall'altro, pone di fronte alla difficoltà dell'elici¬tazione dei dati con elettrodi sullo scalpo, non garantendo quella che genericamente po¬tremmo definire la qualità dei segna¬li.Questo lavoro cerca di rispondere, con l'impiego di tecniche nuo¬ve all'indagine sperimentale in campo linguistico, a come e dove avvenga la produzione degli stimoli motori, che comandano gli articolatori dei foni utilizzati nella comunicazione verbale e se essi siano da considerare, come vuole la teoria motoria di Lieberman (1985), delle invarianti linguistiche.
Description: Abbiamo cercato e abbiamo trovato l'esistenza di una diversità tra i comandi motori per i foni da noi scelti, e una diver¬sità, lieve, anche all'interno dello stesso gruppo di comandi motori relativi allo stesso fono e ciò si rivela molto importante sotto la prospettiva della teoria motoria che infatti li vedeva come degli invarianti. Si riscontra anche a livello di comandi motori una varietà che prima era assegnata alla sola esecuzione e addebitata a fenomeni di contatto o altro; questo stu¬dio sembrerebbe dimostrare che l'invarianza non si riscontra al livello di programmazione del gesto articolatorio di fonazione, ma bensì ad un livello più alto.
URI: http://hdl.handle.net/10805/1932
Appears in PhD:LINGUISTICA STORICA E STORIA LINGUISTICA ITALIANA

Files in This Item:

File Description SizeFormat
TESI_MATTANA.pdftesi intera31.79 MBAdobe PDF


This item is protected by original copyright

Recommend this item

Items in PADIS are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

 

Valid XHTML 1.0! DSpace Software Copyright © 2002-2010  Duraspace - Feedback Sviluppo e manutenzione a cura del CINECA