PADIS

Pubblicazioni Aperte DIgitali Sapienza > COMUNICAZIONE E RICERCA SOCIALE > SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10805/2089

Title: Dall'auto/biografia al documento. Strategie di costruzione del REALE nel graphic novel
Authors: GRECO, CRISTINA
Tutor: Pezzini, Isabella
Keywords: memoria collettiva
generi
autobiografia
testimonianza
fumetto
documento
Issue Date: 21-May-2013
Abstract: Il volume in oggetto si sviluppa intorno a un nucleo consistente dedicato allo studio di una forma di testualità emergente nel panorama editoriale contemporaneo, ovvero il graphic novel, con particolare riferimento a quella parte della produzione che si configura come spazio di incontro tra il romanzo grafico, il racconto (auto)biografico e diaristico, e il reportage giornalistico. Spesso queste storie sono il pretesto per raccontare vicende storiche e politiche, in cui le vicende individuali si articolano con le identità collettive, tema di grande interesse nella prospettiva degli studi attuali sulle culture. Emblematico, ad esempio, è il caso noto di Maus di Art Spiegelman, a metà strada tra biografia, autobiografia e memoria collettiva, tra racconto storico e racconto di finzione – oppure quello rappresentato da Logicomix, un’(auto)biografia a fumetti sulla vita di Bertrand Russell. Attraverso la definizione di un corpus rappresentativo, il libro si organizza intorno ad alcuni nodi tematici che emergono dall’analisi del materiale selezionato. In questa direzione, il lavoro procede verso un approfondimento della problematica della costruzione del reale e del credere vero, fino a giungere allo studio della relazione tra creazione artistica, genere (auto)biografico e materiale documentario. Un tale approccio si distacca dallo studio del fumetto come linguaggio e dall’analisi dei linguaggi del fumetto, orientamenti che hanno caratterizzato studi affini, anche in ambito semiotico, e propone di guardare al fumetto nei termini di una semiotica della cultura. Difatti, all’esame della specificità semiotica del fumetto, della relazione testo-immagine e alle forme di iscrizione di punti di vista e prospettive soggettive, si affianca uno studio del graphic novel come forma di autorappresentazione delle culture. Attraverso l’impiego degli strumenti dell’analisi testuale, e a partire dai presupposti del paradigma della semiotica della cultura, questo lavoro prende atto dei condizionamenti culturali delle diverse scritture, ben rappresentate da un corpus testuale costituito da opere diversificate a seconda dei modi di messa in relazione tra (auto)biografia, reportage giornalistico ricorso al documento. Ne emerge un quadro in cui le operazioni di selezione del ricordo e l’impiego delle figure della storia veicolano un discorso più profondo che va al di là dell’atto di testimonianza, un realismo che, prendendo in prestito un’elaborazione di Jean-Marie Floch (1996), appare come il rivestimento figurativo di un discorso secondo, orientato alla discussione dei valori fondanti l’esperienza umana. Il corpus analizzato ha permesso di rintracciare nel graphic novel importanti innovazioni rispetto al racconto biografico tradizionale, ovvero, ad esempio, la maggiore enfasi del punto di vista dell’autore, e una tendenza alla fusione tra romanzo biografico e romanzo autobiografico. In quest’ottica, il presente lavoro indica una messa a punto della metodologia di analisi del fumetto e, nelle conclusione, avanza delle proposte di carattere teorico-metodologico e di definizione per lo studio dei generi e, in particolare, per questa singolare forma espressiva.
URI: http://hdl.handle.net/10805/2089
Skills short description: Dottore di ricerca in Scienze della Comunicazione, si occupa dello studio della relazione testo-immagine, con particolare attenzione al graphic novel, del racconto auto/biografico e di testimonianza, della memoria collettiva e della problematica dei generi. Su questi temi ha pubblicato una monografia, ha scritto articoli e presentato interventi in congressi e seminari nazionali e internazionali. Ha svolto attività di ricerca presso l’Université Catholique di Louvain in Belgio. Attualmente conduce ricerche in ambito semiotico per enti pubblici. È membro dell’AISS, Associazione Italiana di Studi Semiotici, dell’Osservatorio scientifico della memoria scritta, orale, filmica e del patrimonio autobiografico, e dell’Associazione Mom&Woman Onlus, nel settore della ricerca e della formazione.
Appears in PhD:SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Cristina Greco_tesi dottorato XXV ciclo.pdf8.01 MBAdobe PDF

File del Curriculum Vitae:

CurriculumVitae.docx 31.54 kBMicrosoft Word XML


This item is protected by original copyright

Recommend this item

Items in PADIS are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

 

Valid XHTML 1.0! DSpace Software Copyright © 2002-2010  Duraspace - Feedback Sviluppo e manutenzione a cura del CINECA