PADIS

Pubblicazioni Aperte DIgitali Sapienza > Management e tecnologie > ECONOMIA E FINANZA NEL GOVERNO DELL'IMPRESA >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10805/2119

Title: I rapporti di fornitura nella logistica delle emergenze umanitarie
Authors: MARINI, ROBERTA
Tutor: Massaroni, Enrico
Keywords: logistica umanitaria
fornitura
Issue Date: 9-Jul-2013
Abstract: La continua evoluzione del contesto competitivo e della globalizzazione dell’economia in atto da diversi anni sembra confermare la necessità, per gli attori coinvolti, di agire non più isolatamente, ma, piuttosto, di organizzarsi sinergicamente tra loro e con elevata velocità e flessibilità. Quanto sopra è facilmente osservabile nei rapporti di fornitura. L’individuazione di partner giusti, pochi ma affidabili fornitori con cui intrattenere rapporti di lungo termine, sembra essere la scelta strategica ottimale per operare in ambienti altamente turbolenti e mutevoli. Le relazioni di fornitura prese in esame sono quelle legate alla logistica, la cui missione consiste nel garantire il giusto tipo di materiale, nella giusta quantità, nel giusto tempo, nel giusto luogo, secondo le esigenze della domanda. L’ambito oggetto dello studio è quello delle emergenze umanitarie, all’interno del quale la logistica e i rapporti di fornitura costituiscono i punti chiave per la risposta reattiva in soccorso alle popolazioni coinvolte. La logistica delle emergenze è un tema di sicura attualità, sia a livello internazionale che nazionale: si è assistito, infatti, negli ultimi anni, ad un aumento significativo del numero di disastri naturali o causati dall’uomo. Nel settore umanitario operano diversi attori che sono coinvolti nella catena di fornitura che sviluppano partnership intersettoriali tra le organizzazioni no-profit e settore privato. Le prime sono motivate da valori umanitari e religiosi e forniscono sollievo alle popolazioni in difficoltà in tempi ristretti, mentre il settore privato apporta risorse e know how, guardando con sempre maggiore interesse agli impatti positivi provenienti da azioni che rientrano nella responsabilità sociale dell’impresa. Entrambi i soggetti si muovono in un contesto molto incerto, di cui non hanno informazioni, ad esempio, in termini di tempi, luoghi, tipo di disastro, numero di persone che necessitano di assistenza. La Corporate Social Responsibility sembra diventare quindi un vero strumento di benchmarking, che permette di migliorare la reattività logistica apprendendo dalle reciproche esperienze, andando a sostituire la “catena del freddo”, precedentemente usata per l’individuazione delle best practices logistiche. La parte empirica indaga uno degli attori considerati di eccellenza, in campo internazionale, con riguardo alle capacità possedute nella logistica delle emergenze umanitarie: la Protezione Civile Italiana. Il presente lavoro si focalizza sulla gestione delle emergenze che si verificano in ambito nazionale per poi analizzare, più specificatamente, la gestione operativa e i rapporti di fornitura durante il terremoto dell’Abruzzo del 2009.
URI: http://hdl.handle.net/10805/2119
Appears in PhD:ECONOMIA E FINANZA NEL GOVERNO DELL'IMPRESA

Files in This Item:

File Description SizeFormat
tesi_RMarini_luglio2013_def.pdftesi dottorale15.11 MBAdobe PDF


This item is protected by original copyright

Recommend this item

Items in PADIS are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

 

Valid XHTML 1.0! DSpace Software Copyright © 2002-2010  Duraspace - Feedback Sviluppo e manutenzione a cura del CINECA