PADIS

Pubblicazioni Aperte DIgitali Sapienza > Scienze anatomiche, istologiche, medico-legali e dell'apparato locomotore > DERMATOLOGIA, ANATOMIA, CHIRURGIA PLASTICA >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10805/2515

Title: L'UTILIZZO CLINICO DEL LIPOFILLING E DELLE ADSC NEL TRATTAMENTO DEGLI ESITI DELLA PATOLOGIA MAMMARIA
Authors: CIOTTI, MARIANGELA
Tutor: ONESTI, MARIA GIUSEPPINA
SCUDERI, NICOLO'
Keywords: LIPOFILLING E ADSC
ESITI PATOLOGIA MAMMARIA
Issue Date: 19-May-2014
Abstract: L'UTILIZZO CLINICO DEL LIPOFILLING E DELLE ADSC NEL TRATTAMENTO DEGLI ESITI DELLA PATOLOGIA MAMMARIA Dott.ssa CIOTTI MARIANGELA Il tessuto adiposo è una fonte preziosa di cellule staminali nell’adulto, le Adipose-Derived Stem Cells. Lo sviluppo delle tecniche di ingegneria tissutale ha aperto la strada ad un uso sempre più raffinato del Lipofilling nella riparazione dei tessuti, nella guarigione delle ferite, nel riempimento dei deficit volumetrici, nella ricostruzione mammaria , nelle atrofie cicatriziali e vulvari, nella Sclerodermia. Dal tessuto adiposo prelevato con una lipoaspirazione o una biopsia è possibile ottenere cellule staminali mesenchimali di derivazione adiposa (ADSC). Il prelievo di grasso, una volta effettuato viene ritirato dalla “Cell Factory” che provvede ad estrarre le ADSC per poi accedere alle procedure di espansione cellulare e di crioconservazione. Il sistema di qualità applicato all'uso clinico delle ADSC deve rispondere alle norme di Buona Pratica di Laboratorio (Good Laboratory Practice), Buona Pratica Manifatturiera (Good Manufacturing Practice) e Buona Pratica Clinica (Good Clinical Practice). Il concetto della sterilità in laboratorio, nella manipolazione delle cellule è fondamentale. Il processo di espansione delle cellule ADSC non supera mai il 3° passaggio, a causa del rischio di cancerogenicità insito nei processi di replicazione cellulare, ed il rilascio viene corredato di test genetici. L’intero processo richiede circa 20-30 giorni ed è in grado di fornirci una sospensione di preadipociti in acido ialuronico o, alternativamente, in soluzione fisiologica contenente fino a 4 x 106 cellule/ml. La buona pratica manifatturiera assicura altresì rari casi di complicanze post-lipofilling, quali la liponecrosi ed il mancato attecchimento per infiltrazione di notevoli quantità di tessuto adiposo o le reazioni eritematose nel loco di infiltrazione ed assicura la corretta sterilità durante il trattamento effettuato in sala operatoria. Nell'ambito del rischio pratico, particolarmente rilevante e dibattuto è il concetto del rischio di riattivazione cancerogenica nell'utilizzo del Lipofilling e delle ADSC dopo chirurgia mammaria conservativa. Un recente studio multicentrico ( "The oncological outcome and immediate surgical complications of lipofilling in breast cancer patients: a multicenter study - Milan-Paris-Lyon. Experience of 646 lipofilling procedures". J.Y.Petit et al. Plastica and Reconstructive Surgery . August 2011 ) ed uno studio di coorte combinato ( "Evaluation of fat grafting safety in patients whit intra epithelial neoplasia: a matched- cohort study". J.Y.Petit et al . Annals ok Oncology - December 2012 ) hanno dimostrato un aumento statisticamente significativo del rischio di recidive loco-regionali in pazienti con neoplasia intraepiteliale duttale ( DIN ) o lobulare ( LIN ), trattati con chirurgia conservativa, che erano stati sottoposti a successivo Lipofilling. Siamo comunque in attesa di avere linee guida definitive al riguardo. Presso il Dipartimento di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica del Policlinico Umberto I di Roma, diretto dal Prof. Nicolò Scuderi abbiamo effettuato, nel periodo compreso tra Gennaio 2007 a Gennaio 2013, un nostro studio sperimentale di coorte, selezionando e reclutando un campione omogeneo di pazienti di sesso femminile affette da carcinoma mammario, trattate con chirurgia conservativa, quadrantectomia , ±dissezione ascellare, e radioterapia e sottoposte a più di un trattamento di lipostruttura a livello mammario. Nel nostro lavoro non abbiamo rintracciato recidive neoplastiche nell’area trattata a seguito di uno stretto follow-up oncologico. È stato utilizzato altresì il sistema di valutazione secondo la scala analogica visiva (VAS, Visual Analogic Scale) attribuendo un punteggio variabile da 1 a 10, dove 1 indicava nessun miglioramento, 10 il massimo miglioramento possibile, ottenendo risultati alquanto soddisfacenti. Tali risultati ci permettono di proseguire lo studio con sicurezza di dati.
Description: IMPORTANZA DEL LIPOFILLING E DELLE ADSC NEL TRATTAMENTO DEGLI ESITI DELLA RICOSTRUZIONE MAMMARIA,IN PARTICOLARE A SEGUITO DI TUMORI ALLO STADIO INIZIALE: STUDIO SPERIMENTALE.
URI: http://hdl.handle.net/10805/2515
Appears in PhD:DERMATOLOGIA, ANATOMIA, CHIRURGIA PLASTICA

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Tesi Dottorato Dott.ssa Mariangela Ciotti.docxTESI DOTTORATO DOTT.SSA MARIANGELA CIOTTI19.69 MBMicrosoft Word XML

File del Curriculum Vitae:

CurriculumVitae.ssa MARIANGELA CIOTTI.doc 273.62 kBMicrosoft Word


This item is protected by original copyright

Recommend this item

Items in PADIS are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

 

Valid XHTML 1.0! DSpace Software Copyright © 2002-2010  Duraspace - Feedback Sviluppo e manutenzione a cura del CINECA