PADIS

Pubblicazioni Aperte DIgitali Sapienza > Storia, disegno e restauro dell'architettura > SCIENZE DELLA RAPPRESENTAZIONE E DEL RILIEVO >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10805/2521

Title: La visione stereoscopica e il modello digitale real-time per la comunicazione dell’architettura
Other Titles: Metodologie, tecniche e applicazioni
Authors: MULLA, ERALD
Tutor: Albisinni, Piero
De Carlo, Laura
Keywords: stereoscopia
game engines
real-time rendering
rappresentazione architettonica
Issue Date: 7-Jul-2014
Abstract: This research attempts to test and compare the different stereoscopic techniques of representation by applying them into the field of architecture and the way it communicates, while defining which the most appropriate one is. The investigation is done by identifying the existing state of the art technologies used in cinematography and the gaming industry, trying to apply their techniques in architectural visualisation. Different stereoscopic methods will be compared to each other in order to explore the benefits and the limitations that each method can offer. This research aims to create an interactive virtual environment, wich makes it possible for end users to freely explore architectural space. In order to achieve this goal, advanced Game Engine software will be used, capable of generating real-time stereoscopic contenent with very high quality graphics and without any relevant impact on general software’s performance. At the same time, head-tracking technology is proposed to serve as a non-conventional Human Interface Device for a more natural data input and communication between the computer and its operator.
Description: Una tecnologia in continua evoluzione permette oggi di creare, senza grandi difficoltà, immagini e video digitali visualizzabili in tre dimensioni, attraverso un procedimento semplice che sfrutta i principi di funzionamento della visione umana. Questa ricerca si propone di confrontare tra di loro diverse tecniche di rappresentazione stereoscopica realizzando sperimentazioni concrete applicate all’ambito della visualizzazione e comunicazione dell’architettura, col fine di trovare quella giudicata più idonea. La prima fase della ricerca consiste in un approfondito studio dello stato dell’arte e della tecnica a livello nazionale e soprattutto internazionale. Le ultime tecnologie sviluppate, oggi vengono utilizzate per lo più nel mondo della cinematografia, dell’intrattenimento, e recentemente anche in quello dei videogiochi, aumentandone il grado di immersività. Ciò che si propone di fare in questo lavoro è cercare di trasferire quel grado di immersività alla comunicazione visiva architettonica, attraverso la definizione di una metodologia con la quale applicare il concetto teorico di “how to” del mondo cinematografico e del mondo gaming a quello dell’architettura. Una volta che il quadro delle conoscenze è stato meglio definito, si affronta lo studio e la catalogazione delle singole tecniche stereoscopiche, evidenziando i pregi e i limiti di ognuna. Segue un’ultima fase di sperimentazione che vede: 1) la creazione di immagini statiche e video sequenze in ambiente 3D; 2) la creazione di ambienti architettonici virtuali interattivi e stereoscopici. Il primo punto ha come finalità la creazione di immagini statiche (render) e video sequenze visualizzabili in tre dimensioni partendo dai più diffusi programmi di modellazione e computer grafica usati oggi nel campo dell’architettura. Particolare interesse presenta la possibilità di usufruire, dove possibile, di programmi Open Source del settore. Fondamentale è stata la consultazione dell’ambiente web, dove il confronto con vari CG Artists ha messo in risalto e nello stesso tempo risolto problematiche incontrate ed affrontate durante questo lavoro. Il secondo punto si concentra su un argomento molto importante ai fini della ricerca: la creazione di modelli virtuali real-time che permettono all’utente una navigazione libera e priva di vincoli, affiancata dalla visualizzazione stereoscopica. L’esperienza d’esplorazione e comunicazione dell’architettura si svolge in tempo reale sfruttando i motori grafici utilizzati nella realizzazione di videogiochi per garantire un senso di maggiore immersività e realismo. La fase finale della ricerca è dedicata alla sperimentazione e all’applicazione delle tecniche sopracitate su un caso di studio architettonico. Il tema scelto: “Monumento al Milite Ignoto - Baghdad” dell’architetto udinese Marcello D’Olivo,è stato selezionato prendendo in considerazione caratteristiche e linguaggi architettonici di autori significativi del panorama italiano della seconda metà del XX secolo.
URI: http://hdl.handle.net/10805/2521
Research interests: Rappresentazione architettonica, rilievo, disegno digitale, stereoscopia.
Appears in PhD:SCIENZE DELLA RAPPRESENTAZIONE E DEL RILIEVO

Files in This Item:

File Description SizeFormat
PHD_Thesis_Erald_Mulla.pdfPhD_Thesis_Erald_Mulla252.86 MBAdobe PDF


This item is protected by original copyright

Recommend this item

Items in PADIS are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

 

Valid XHTML 1.0! DSpace Software Copyright © 2002-2010  Duraspace - Feedback Sviluppo e manutenzione a cura del CINECA